Il cielo sopra il Cenacolo

In seguito alla recente inaugurazione della nuova illuminazione, abbiamo avuto l’onore di poter visitare il Cenacolo nel suo rinnovato splendore: non più quell’opera che libri e poster ci restituivano come cupa e buia ma vibrante di luce e profondità.
Se poi chiudiamo gli occhi e riusciamo a immaginare che la volta della grande sala era stata decorata da Leonardo con un intenso cielo stellato, simile al soffitto della Sagrestia del Bramante in Santa Maria delle Grazie, vorremmo una macchina del tempo per tornare là con il naso in su.
Grazie alla dott.ssa Lorenza Dall’Aglio, la visita alla piccola sala che custodisce il retro del dipinto murale è stata particolarmente entusiasmante. Una fitta rete di cavi, pesi e apparecchi pronti a registrare e trasmettere le più piccole vibrazioni della parete, mattoni datati decadi fa, strati di tecnologie al servizio della tutela del nostro Patrimonio.
Proude to be Italian!